Oggi è 17/04/2014, 20:24



Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ] 
 Okumè, finitura di questi scuri:guardate a consigliatemi 
Autore Messaggio
che faccio? continuo?
che faccio? continuo?

Iscritto il: 15/01/2009, 9:42
Messaggi: 10
Stiamo restrutturando casa, non essendo esperti ci siamo fatti consigliare e quindi abbiamo scelto l'Okumè per gli scuri esterni, Okumè che dovrebbe garantire durata e stabilità.

Ora però hanno finito di montarli da qlc settimana, guardandoli una volta puliti dalla polvere, ci si accorge che la finitura superficiale lascia molto a desiderare; ho chiamato il falegname il quale mi dice che a parte 3/4/5 ante effettivamente "brutte", per tutte le altre “è normale aspettarsi la finitura a buccia di arancia se si utilizza l’Okumè…" e che "...anche riverniciandolo, dopo gg o settimane riapparirebbero nuovamente le bolle d’aria contenute naturalmente nel legno..”, ha quindi proposto di passare a ritirare la prossima settimana, le 3/4/5 ante peggiori per sistemarle…

[scuri.pdf Dimensione: 1,006 KB http://www.4shared.com/file/80949166/936349c6/Scuri.html ]

Il falegname mi assicura che la finitura è identica a quelli in esposizione che onestamente io non ricordo così pessima e che sicuramente non avrei scelto, ma in ogni caso esteticamente, naturale o no, per mè rimane una pessima finitura, è ora quindi necessario che io, prima di procedere con una contestazione, capisca:

1) E' vero che con l'Okumè non si può ottenere finitura migliore? cioè come mi dice il falegname, che dopo qlc tempo " l'aria contenuta naturalmente nel legno tende ad uscire creando le imperfezioni viste, e quindi anche se le ripasso, l'effetto buccia d'arancio si ripresenterà come è naturale che sia" ?
2) Dove finisce la “naturale e legittima buccia di arancia” e dove invece inizia l’imperfezione? In pratica, secondo il vs parere, questi sono stati verniciati ad opera d'arte?

Oltre alla finitura pessima, il legno si è gonfiato e quindi aprendo alcuni degli scuri sfregano tra loro, alla presa visione del fatto la sua risposta è stata “..il primo inverno e la prima estate è normale che il legno si muova, si stabilizzerà per non muoversi più dopo l’estate…” subito sono rimansto senza parole, …ma ora ripensandoci a mente fredda spero ovviamente che si stabilizzi definitivamente, ma lo farà alla giusta misura?…
3) Secondo voi è verosimile quanto dice?

Vi ringrazio anticipatamente per ogni tipo di contributo che riuscirete a darmi (consigli, tabelle, link, suggerimenti,....)

Ciao


Ultima modifica di aldo.mattana il 16/01/2009, 18:27, modificato 1 volta in totale.



16/01/2009, 16:34
Profilo
che faccio? continuo?
che faccio? continuo?

Iscritto il: 11/01/2009, 13:36
Messaggi: 45
Guarda che le foto non ci sono!!!!


16/01/2009, 16:40
Profilo
che faccio? continuo?
che faccio? continuo?

Iscritto il: 15/01/2009, 9:42
Messaggi: 10
famo ha scritto:
Guarda che le foto non ci sono!!!!


Hai ragione, grazie, ora ho messo il link alla pagina web dove si può scaricare e vedere il pdf,
attendo un tuo commento

Grazie


16/01/2009, 18:28
Profilo
che faccio? continuo?
che faccio? continuo?

Iscritto il: 11/01/2009, 13:36
Messaggi: 45
Scusa ma la foto chiarisce poco. Allega qualche altra foto, magari da angolazioni diverse.
Comunque posso dirti, per la mia esperienza, che ho usato alcun evolte questo legno senza problemi (bolle e altro).


16/01/2009, 19:12
Profilo
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: 18/01/2008, 23:10
Messaggi: 6177
Località: Parabiago (Mi) - Corinaldo (An)
Ciao Aldo/Ciccio,
per prima cosa devo ricordarti che sarebbe gradito un tuo passaggio nella sezione Mi presento per un saluto.

Detto questo, anche non volendo puntare il dito verso un artigiano che avrà i suoi buoni motivi per dire ciò che dice, provo a risponderti in tutta coscienza per come vedo io la cosa.
Innanzitutto, immagino che sia stato usato del multistrato marino per garantirsi durata, resistenza e stabilità (anche perchè una smaltatura è una 'costrizione innaturale' per il legno e perchè produttori tra i più famosi usano questo materiale, soprattutto nel caso di finiture laccate).
Nel tuo caso specifico:
1) non ho mai visto dell'aria fuoriuscire dal legno 'bucando' un film di vernice essiccato (oltre al fatto che, dalle foto, mi sembra di notare sia delle 'vescicole' d'aria createsi durante l'essiccazione che dei 'crateri' che sono esattamente il meccanismo opposto);
2) non esistono dei parametri legali per stabilire la 'regola d'arte', almeno che io sappia: personalmente, e credo anche per i laccatori che frequentano il forum, regola d'arte è 'zero' errori evidenti...e credo anche che nessuno si sognerebbe mai di pagare delle ante di cucina o di un soggiorno con una colatura o con due o tre bolle di quelle migliaia che presentano invece le tue ante;
3) questo mette un po' in dubbio l'ipotesi sul multistrato che facevo all'inizio Immagine...sul fatto che un legno possa avere dei movimenti, siamo d'accordo: però tutto ciò è legato alla permeabilità della finitura (e quindi, allo scambio che il legno ha con l'atmosfera) e credo anche che non si assesti col passare del tempo, dato che le condizioni atmosferiche non sono stabili ma molto mutevoli a seconda degli orari di esposizione, alle escursioni termiche e al susseguirsi delle stagioni. Inoltre, così grandi movimenti del legno comportano spesso fratture del film di vernice con conseguente deterioramento rapidissimo della fibra sottostante (e proprio per questi motivi, soprattutto nel caso di laccature, non si usa un massello nel senso stretto ma piuttosto un multistrato marino).

Resta inteso che sicuramente qualcuno più esperto di me nell'arte serramentistica potrà valutare meglio l'opera nel suo insieme: di certo, parlando di verniciatura, mi sento di dire che quel lavoro non è accettabile e che un ripristino senza nuove formazioni nè di bucciature nè di bolle è sicuramente possibile.

_________________
La verità non esiste, è questa la verità.


16/01/2009, 22:23
Profilo
che faccio? continuo?
che faccio? continuo?

Iscritto il: 15/01/2009, 9:42
Messaggi: 10
Ciao e grazie anzitutto, sei stato molto chiaro :D

Volevo aggiungere che le parti fotografate ed i difetti riguardano sempre il lato interno (all'esterno la finitura non è liscia ma almeno uniforme, immagino possa essere quella sì a "buccia di arancia"), inoltre si riscontrano SOLO nel pannello e mai sulla cornice...

tunzig ha scritto:
..[cut] per prima cosa devo ricordarti che sarebbe gradito un tuo passaggio nella sezione Mi presento per un saluto.

Provvederò ;-P

tunzig ha scritto:
..[cut]
1) non ho mai visto dell'aria fuoriuscire dal legno 'bucando' un film di vernice essiccato (oltre al fatto che, dalle foto, mi sembra di notare sia delle 'vescicole' d'aria createsi durante l'essiccazione che dei 'crateri' che sono esattamente il meccanismo opposto);
2) ..[cut], regola d'arte è 'zero' errori evidenti...e credo anche che nessuno si sognerebbe mai di pagare delle ante di cucina o di un soggiorno con una colatura o con due o tre bolle di quelle migliaia che presentano invece le tue ante;
3) questo mette un po' in dubbio l'ipotesi sul multistrato che facevo all'inizio ...[cut]

...sì effettivamente come si vede dalle foto, si possono osservare sia vescicole che crateri...
...se non ho capito male, la "cornice" di rinforzo dovrebbe essere in massello, mentre il pannello è multistrato proprio perchè non ha nodi e non si muove.. ma ripeto, non me ne intendo... :nosper:

tunzig ha scritto:
..[cut] sul fatto che un legno possa avere dei movimenti, siamo d'accordo: però tutto ciò è legato alla permeabilità della finitura (e quindi, allo scambio che il legno ha con l'atmosfera) e credo anche che non si assesti col passare del tempo, dato che le condizioni atmosferiche non sono stabili ma molto mutevoli a seconda degli orari di esposizione, alle escursioni termiche e al susseguirsi delle stagioni. Inoltre, così grandi movimenti del legno comportano spesso fratture del film di vernice con conseguente deterioramento rapidissimo della fibra sottostante (e proprio per questi motivi, soprattutto nel caso di laccature, non si usa un massello nel senso stretto ma piuttosto un multistrato marino).

Cioè, se non ho capito male mi stai dicendo che: se anche usiamo un legno scarsissimo, ma poi lo "blindiamo" sotto una super verniciatura/trattamento che lo isola completamente dall'esterno, avrà meno movimenti di un legno "fermissimo" ma a contatto diretto con gli agenti esterni; quindi se, come sembra, la verniciatura è stata fatta in modo "superficiale", POI anche il legno ha "bevuto" umidità gonfiandosi? (+/- intendevi questo?)

Come avrai capito, non essendo esperto, mi trovo estremamente in imbarazzo in quanto non voglio assolutamente passare per il cliente super esigente o pignolo, ma d'altro canto, in questo caso mi sembra che si stia negando l'evidenza, senza scendere nel legale, immagino che a nessuno, esperto o no possa andare bene una finitura simile, se poi la scarsa finitura, oltre all'estetica inficia anche le caratteristiche tecniche e di durata (come pare) allora....

Proprio al fine di farmi una se pur minima preparazione, ti volevo chiedere cortesemente un altro parere ed un esempio se puoi:

- A parer tuo (vs) quali potrebbero essere le cause che hanno portato ad una simile finitura: (verniciato su sporco, legno non essicato bene, legno non ben pre-trattato, materiali utilizzati scadenti, ....) ?

- Insistono con il dirmi che la finitura a buccia d'arancia è naturale su tale legno quando invece mi è parso di capire che non è vero o quantomeno non "obbligatorio"... in ogni caso, dove posso trovare un esempio di VERA finitura a buccia d'arancia da confrontare?

Ovviamente attendo anche altri vs. graditi commenti.

Grazie ancora e a presto.


17/01/2009, 16:08
Profilo
che faccio? continuo?
che faccio? continuo?

Iscritto il: 15/01/2009, 9:42
Messaggi: 10
aldo.mattana ha scritto:
... [cut]
- A parer tuo (vs) quali potrebbero essere le cause che hanno portato ad una simile finitura: (verniciato su sporco, legno non essicato bene, legno non ben pre-trattato, materiali utilizzati scadenti, ....) ?
- Insistono con il dirmi che la finitura a buccia d'arancia è naturale su tale legno quando invece mi è parso di capire che non è vero o quantomeno non "obbligatorio"... in ogni caso, dove posso trovare un esempio di VERA finitura a buccia d'arancia da confrontare?
...[cut]


Ciao, ho trovato questo link che mostra difetti e indica cause e rimedi

http://www.centrocolorepastore.it/ccp/ccp/tecnicaenotizie/capitolo1.htm

Ne avreste altri da suggerirmi? :D


20/01/2009, 10:19
Profilo
Allora insisti!
Allora insisti!

Iscritto il: 15/03/2006, 13:51
Messaggi: 971
Località: Dogliani (CN)
Ciao, provo a dire la mia, da cosa ho capito hai riscontrato i maggiori difetti nel lato interno e non sulla cornice che dovrebbe essere in massello. Il falegname potrebbe essersi dimenticato di levigare il pannello di multistrato marino prima di montarlo (anche io penso che si tratti di questo materiale) e quindi il difetto è apparso nell'unico posto in cui la levigatura risulta difficoltosa una volta assemblata l'anta.
Potrebbe anche aver fatto essicare i manufatti in un locale polveroso, si spiegherebbero i puntini ma non i crateri.
Non ho mai lavorato l'okume, quindi non so come si comporti in verniciatura, ma so che è molto usato sopratutto per fare scuri laccati, quindi non darei la colpa al legno,

roberto


20/01/2009, 14:16
Profilo
che faccio? continuo?
che faccio? continuo?

Iscritto il: 15/01/2009, 9:42
Messaggi: 10
roby69 ha scritto:
Ciao, provo a dire la mia, da cosa ho capito hai riscontrato i maggiori difetti nel lato interno e non sulla cornice che dovrebbe essere in massello. Il falegname potrebbe essersi dimenticato di levigare il pannello di multistrato marino prima di montarlo (anche io penso che si tratti di questo materiale) e quindi il difetto è apparso nell'unico posto in cui la levigatura risulta difficoltosa una volta assemblata l'anta.
Potrebbe anche aver fatto essicare i manufatti in un locale polveroso, si spiegherebbero i puntini ma non i crateri.
Non ho mai lavorato l'okume, quindi non so come si comporti in verniciatura, ma so che è molto usato sopratutto per fare scuri laccati, quindi non darei la colpa al legno,

roberto


Ciao e grazie, pare che il geometra abbia trovato documentazione a riguardo che mi permetterà di contestare il lavoro non solo basandoci sul buon senso....
Mi rimane però la voglia di vedere un effetto buccia di arancio vero...


01/02/2009, 14:38
Profilo
Moderatore
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: 18/01/2008, 23:10
Messaggi: 6177
Località: Parabiago (Mi) - Corinaldo (An)
Cita:
Cioè, se non ho capito male mi stai dicendo che: se anche usiamo un legno scarsissimo, ma poi lo "blindiamo" sotto una super verniciatura/trattamento che lo isola completamente dall'esterno, avrà meno movimenti di un legno "fermissimo" ma a contatto diretto con gli agenti esterni; quindi se, come sembra, la verniciatura è stata fatta in modo "superficiale", POI anche il legno ha "bevuto" umidità gonfiandosi? (+/- intendevi questo?)

Diamo per scontato che il legno da trattare sia stato fatto stagionare in maniera corretta e che sia quindi 'stabilizzato': se riusciamo a renderlo impermeabile con un trattamento che lo isoli dall'ambiente esterno, non potendo più assorbire o cedere umidità avrà dei movimenti di dilatazione e ritiro molto ridotti. A questo punto, SE il trattamento è deficitario (non si è provveduto ad impregnazione; il film di vernice non è continuo; la vernice è di scarsa qualità), l'impermeabilità va a farsi benedire e il caso diventa grave perchè non solo il legno assorbe umidità ambientale e si 'muove' ma anche perchè infiltrandosi acqua si possono ingenerare ammuffimenti o marciture. Inutile dire che nel giro di pochi anni ci si ritrova col manufatto da rifare (se si ha fortuna, si rifà solo la finitura).
Nel tuo caso, per essere proprio precisi precisi, c'è anche l'aggravante di una smaltatura in colore scuro: ciò significa che i tuoi scuri dovranno sopportare delle escursioni termiche maggiori che non nel caso di un colore chiaro (bianco oppure trasparente su essenza chiara)...in poche parole, l'eventuale umidità assorbita evaporerà cercando di 'uscire' più in fretta visto che la temperatura del legno sarà più alta e ciò causerà una 'spinta' maggiore sulla vernice (che, non riuscendo a soddisfarla, provocherà prima torsioni e poi fratture del film con i problemi di infiltrazione descritti sopra).

Riguardo alle cause, sono da imputare sicuramente all'applicatore: fondi male carteggiati o dati in spessore eccessivo e verniciati troppo presto (per quanto riguarda bolle e crateri);
prodotto troppo denso, ugello troppo grande, diluizione insufficente, distanza eccessiva (per quanto riguarda la buccia).
Tieni presente che la bucciatura è un effetto voluto ed è piuttosto evidente: per ottenerla si usano materiali appositi e serve soprattutto per esigenze di resistenza meccanica; sul legno, soprattutto esterno, è controindicata (alti spessori=minore elasticità)...molti esempi li puoi trovare sulle macchine utensili (se la buccia non è continua e uniforme l'effetto si chiama 'goffrato')...la foto non è un gran che, ma rende l'idea:

Immagine

In tutti gli altri casi è un errore contestabile.

_________________
La verità non esiste, è questa la verità.


02/02/2009, 15:55
Profilo
Passavo di qui per caso
Passavo di qui per caso

Iscritto il: 25/06/2008, 13:33
Messaggi: 279
Località: Lecce
Concordo con Tunzig,

e sono un pò più esplicito: non è un lavoro consegnabile quello. Chiama il falegname che lo ha fatto, e spiegagli che ti sei informato per bene.
O rimedia e ti restituisce un prodotto all' altezza delle aspettative, o se lo tiene e ti restituisce i soldi.

Poi si passa alle vie legali eventualmente.


03/02/2009, 10:50
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 11 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Designed by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010